Fabula LX

Irene rigira il coltello nel petto di Fra, prima di estrarlo schizzandosi addosso gocce del sangue scuro che imbratta la lama di ferro. I serpenti sibilano minacciosi contro il licantropo, che riesce a emettere solo un singulto prima di accasciarsi a terra, proprio accanto a me.
«No… no…» Le parole sembrano rifiutarsi di lasciare la mia bocca, riesco solo a sussurrare. Guardo il ragazzo che artiglia il lastricato con tanta, disperata forza da spezzarsi le unghie, mentre un rivolo di sangue gli scende da un angolo della bocca, che apre e chiude a scatti come se stesse cercando di divorare l’aria che gli serve per respirare. «Non dovevi, non era necessario.»
«Ti avrebbe ucciso.» Lei mi parla tenendo lo sguardo rivolto a terra. La sua voce non esita, non tradisce emozioni. Sta solo facendo una constatazione.
«Non puoi dirlo. È Fra, cazzo!» Come in risposta al suo nome, lui volta il viso verso di me. I suoi occhi sono smarriti, spaventati. Umani, anche se ancora di quell’insopportabile colore giallo.
«Forse lo è, e magari ci ha sempre ingannato. O forse è il lupo. Chiunque sia, è qualcuno che ti ha squarciato un braccio senza pensarci due volte.» Avevo quasi dimenticato la ferita. Riesco a malapena a rendermi conto di tutte le parti del corpo che mi fanno male. Immagino non sia un buon segno, ma in questo momento sembra una benedizione. «E avrebbe fatto lo stesso con la tua gola, lo sai.» Continua a leggere

Fabula LIX (quarta parte)

(continua da qui)

La lama si solleva in un arco che mi sembra terribilmente lento. Il Velato alza lo sguardo dalle foto, si guarda attorno, sembra realizzare ciò che sta accadendo.
Ma non può più farci nulla. L’acciaio colpisce la più bassa delle corde. È la spada dell’Ospitaliere, per quanto la mano che la impugna possa essersi indebolita la taglierà con facilità, e…
La lama rimbalza con violenza, quasi sfugge dalla presa di Renzo, che barcolla all’indietro e finisce per cadere. La corda si limita a ondeggiare, intatta.
«No, non ci credo.» Sono protette. Incantate!
«Credici, ragazzo. È dal giorno dell’ultima battaglia che aspetto questo momento. Non potete inventarvi nulla che possa prendermi di sorpresa.» Il mago lancia le foto verso di me. «Ecco, ora non mi servono più. Mi sembrava che tu e l’Ospitaliere ci teneste.»
Mi atterrano davanti. Dovrei ignorarle, rimanere concentrato, pensare a un altro modo per fermare l’incantesimo. Ma non riesco a resistere alla tentazione di chinarmi a dare un’occhiata. Continua a leggere

Fabula LIX (terza parte)

(continua da qui)

Miriam urla quando un calcinaccio le precipita accanto, esplodendo in una nuvola di polvere. Le corde lungo i muri ondeggiano impazzite, i talismani che sostengono sbattono tra loro con un tintinnio insopportabile. Un piccolo barattolo di ceramica cade dal tavolo, frantumandosi sul pavimento e spargendo ovunque grani di incenso.
Lotto per rimettermi in piedi, ma perdo di nuovo l’equilibrio. Sono un idiota. Come ho fatto a convincermi che quel trucco potesse funzionare? «Non… non stai facendo sul serio.» Qualunque cosa fosse ciò che mi stava motivando e illudendo fino a un attimo fa, coraggio, disperazione o incoscienza da overdose di adrenalina, ora mi ha abbandonato di colpo. Ma, per quanto la mia voce adesso suoni sottile e spaventata, non ho altra scelta che continuare a parlare. «Non puoi distruggere questo posto. Ci sono i tuoi compagni, ed è circondato da altri edifici. Ci abita della gente lì!»
«Mi ci avete costretto.» Il Velato cammina senza difficoltà, come se fosse l’occhio del ciclone che sta scuotendo la stanza. «Nella manciata di secondi in cui mi sono dovuto difendere dalla vostra aggressione non ho avuto tempo di andare per il sottile o di reagire in modo mirato. Mi sono mantenuto sul semplice.»
Semplice? In un altro momento forse mi verrebbe da ridere. «E come farai con l’incantesimo? Il potere che stai sprecando, i tuoi ingredienti…» Cosa sta facendo la spada dell’Ospitaliere? Renzo è immobile, appoggiato al muro, e fissa il mago con espressione impassibile. Non è già più in grado di muoversi? Continua a leggere

Fabula LIX (seconda parte)

(continua da qui)

«Cosa dovrebbe significare?» Solleva la mano destra, la punta verso di me, il palmo aperto. «E stai cercando di imitarmi? In questo momento non saresti in grado di lanciare un incantesimo neanche se sapessi davvero cosa stai facendo, cosa di cui dubito.» Sento la pelle formicolare, i capelli mi si rizzano sul capo tra scoppiettii di elettricità statica. «Prima per un momento mi hai sorpreso, è vero. Ma resta il fatto che non sei un mago. Non hai la concentrazione, le conoscenze, la forza di volontà necessarie.» Sostenere il suo sguardo sta diventando difficile. Sento qualcosa che mi preme sul petto, mi toglie il fiato, mi spinge a chinare la testa. Anche tutti gli altri ne stanno risentendo. Zampa de Gal si è rannicchiato in un angolo, interrompendo il piagnucolio per la sua ferita. I seguaci dei 47 sono immobili, gli occhi fissi sul pavimento, forse perplessi dal fatto che, improvvisamente, guardarsi attorno gli sembri una cattiva idea. «Ho visto fattucchieri da strada più metodici e attenti di te.» Continua a leggere

Fabula LIX (prima parte)

Dovrei essere spaventato. Mi hanno sparato addosso, e gli sconosciuti dall’aria nervosa che mi tengono sotto tiro con altre pistole hanno appena ricevuto da uno degli eroi che idolatrano un caldo invito a farmi fuori.
Ma poco fa ho aperto un passaggio tra i mondi, una porta dove non dovrebbero esisterne. Ho manipolato energie che non riesco a comprendere, sono precipitato attraverso i piani di esistenza, ho visto frammenti di cose non destinate a occhi umani. E non sono affatto sicuro di come sia stato possibile, o di come abbia fatto a non impazzire e smarrirmi per sempre.
Dopo un’esperienza del genere è difficile dare il giusto peso alla minaccia costituita da un’arma da fuoco. Continua a leggere