Fabula XIV (prima parte)

Ho trovato il risciò davanti al portone, stamattina. Non uno sgangherato carretto arancione a più posti trainato da una bicicletta, come quelli che i Municipi stanno sperimentando per sopperire ad autobus che partono sempre più di rado.
No, quello era un veicolo laccato in rosso lucido e oro, con un solo sedile e dall’aria confortevole. A sorreggerlo per le aste c’era un uomo corpulento e pelato, con piccole orecchie appuntite, gambe che sotto il ginocchio si trasformavano in zampe pelose, zoccoli al posto dei piedi e una lunga, folta coda da cavallo che gli spuntava appena sopra il fondoschiena, tra l’orlo della t-shirt e quello dei pantaloncini.
Continua a leggere

Annunci

Fabula X (seconda parte)

(continua da qui)

La sua voce fa fatica a raggiungermi. Il maglione gli pende vuoto sul corpo scheletrico, la pelle del volto è una sottile, pallida pellicola tesa sulle ossa del cranio, i denti emergono lunghi e giallastri da gengive che si sono ritirate fin quasi a sparire. Tra i suoi capelli noto un paio di nuove ciocche grige. Di tutti i suoi colori, solo il nero degli occhi non è sbiadito. «Come va?» Continua a leggere

Fabula X (prima parte)

Le Sorelle mi guardano senza parlare.
Fingono di fare altro, ovviamente. Brigitta sta riordinando la dispensa, e geme tutte le volte, piuttosto frequenti, che deve interrompersi per aggiungere una voce all’elenco delle cose che dovremmo ricomprare, se potessimo permettercele. Genny, seduto in un angolo, sta finendo di cucire l’ennesimo sacchetto verde per i talismani portafortuna. Amalia, di schiena alla finestra aperta, fuma uno dei nostri mix di erbe rilassanti, che riempie la stanza del profumo della melissa.
Ma, quando pensano che non me ne accorga, il loro sguardo torna su di me. Sono grata alla loro ostentata indifferenza, ma sento la curiosità, o forse la preoccupazione, che pesa nelle loro occhiate furtive, la domanda che, dopo aver visto con che faccia sono tornata dal Santuario, non hanno ancora trovato il coraggio di farmi.
Continua a leggere

Fabula V (seconda parte)

(continua da qui)

Ci metto qualche secondo a capire davvero ciò che ha detto. «Impazzire?»
«Un incidente o due. Niente di cui ti debba preoccupare, vero, piccola mia?» Il Focolare mi sfiora il volto con una mano, e una sensazione di caldo, familiare benessere inizia a diffondersi attraverso il mio corpo, irradiandosi dalla pelle bollente della mia guancia. «Non c’è niente di male, capitano in tutti i lavori.»
Mi ritrovo ad annuire, e anche Lidia, che era diventata così irrequieta da farmi temere per un attimo che si sarebbe materializzata contro la mia volontà, si calma un po’. «Tutti, certo» mormoro, senza pensarci. Continua a leggere

Fabula I (terza parte)

(continua da qui)

È una strana sensazione, essere spaventata mentre sono fuori dal mio corpo. Normalmente a questo punto la paura mi avrebbe paralizzata. Posso immaginarmi immobile nel buio, col cuore che batte sempre più in fretta, la pelle percorsa da brividi, le braccia strette contro il corpo, il respiro strozzato, la mandibola pietrificata che rifiuta di aprirsi anche solo per gridare. L’istinto mi ordina di sgranare gli occhi cercando di cogliere qualcosa nelle tenebre, di tendere le orecchie per captare il più flebile suono, e non serve a placarlo il fatto che razionalmente sappia di non essere in grado di farlo.
«Smettila» sbotta il daimon. «Così mi confondi!» Continua a leggere