Fabula IX (seconda parte)

(continua da qui)

Anguane. Non le avevo mai viste prima, ma ne conosco le storie. Una sgradevole sensazione di gelo inizia a risalirmi lungo la spina dorsale.
«Offerta? Che vuoi dire?»
«Circa ogni mese le anguane di questo lago pretendono un’offerta dagli abitanti dei palazzi  vicini, come compenso per non cacciare o stregare nessuno che viva da queste parti. Di solito trattano direttamente con l’amministratore di questi condomini, ma in giornate come questa capita che vengano a… sollecitare.»
«Davvero? Con l’amministratore?»
«Non hai idea di quanto ci costa al mese…» Continua a leggere

Annunci

Fabula IX (prima parte)

«Ma guardati, sei tutto bagnato! Muoviti, entra!»
Silva si scosta dalla soglia per farmi spazio. Mi pulisco le scarpe con cura sullo zerbino, ma questo non mi impedisce di sgocciolare su un pavimento dall’aria costosa. «Mi dispiace. Ha iniziato a piovere quando ormai ero a metà strada…»
«Ed eri senza ombrello. Lascia il giubbotto e le scarpe qui nell’ingresso, ti prendo un asciugamano.»
Le ubbidisco. Poggiata su una mensola di fronte alla porta, tra un paio di libri e un elaborato posacenere, una statuetta raffigurante un drago verde smeraldo sembra seguirmi con lo sguardo. Mi chino a fissarla negli occhi, di un giallo vivo e brillante. Come si ottiene un effetto del genere? Continua a leggere